Il ruolo dei soci nella nostra impresa cooperativa

I proprietari di CIR food sono i propri soci, che ne  indirizzano e controllano l’attività.
Possono essere soci cooperatori tutte le persone che instaurano un rapporto di lavoro con CIR food e che collaborano al raggiungimento dei fini sociali con la propria attività lavorativa o professionale. L’ammissione è finalizzata allo svolgimento effettivo dello scambio mutualistico e all’effettiva partecipazione del socio all’attività della nostra cooperativa di ristorazione.
Oltre ai soci lavoratori sono presenti nella compagine sociale anche i soci sovventori: persone che investono risorse nell’azienda, con l’aspettativa di una giusta remunerazione, condividendo i valori e le strategie imprenditoriali. I soci si riuniscono a livello territoriale in sezioni soci; quest’ultime hanno il compito di promuovere la partecipazione dei soci alla definizione degli indirizzi e dei programmi della cooperativa.

Ai soci di CIR food, riuniti in assemblea spettano decisioni sulle linee strategiche, sui piani di sviluppo; discutono il Budget, approvano i bilanci, eleggono ogni 3 anni il Consiglio di Amministrazione, composto da 21 consiglieri. Ogni socio cooperatore ha diritto a un voto indipendentemente dal capitale posseduto, mentre i soci sovventori dispongono di uno o più voti (fino ad un massimo di cinque) in relazione alle azioni possedute.
L'utile di bilancio viene destinato in buona parte a riserva indivisibile, ad aumentare, cioè, il patrimonio della nostra impresa cooperativa a disposizione delle generazioni future. La restante parte è destinata a remunerare il capitale sociale versato dai soci e dagli azionisti oltre ad incrementare il fondo nazionale di promozione cooperativa, e, se i risultati di bilancio lo consentono, ad erogare il ristorno ai soci dipendenti CIR food quale "trattamento economico ulteriore". Il ristorno viene assegnato secondo un apposito regolamento.

I nostri soci usufruiscono di particolari convenzioni realizzate nei vari territori (acquisti, sanità, viaggi ecc.) e può, dopo tre mesi dall'iscrizione, aprire un libretto di prestito sociale presso la cooperativa disponendo di vantaggiosi tassi d'interesse. Il prestito sociale è infatti un’ulteriore forma di collaborazione tra socio e cooperativa: attraverso questo rapporto l’impresa cooperativa può disporre di importanti risorse per sostenere il proprio sviluppo; nel contempo, il socio prestatore vede premiati i propri risparmi.
Diventare socio di CIR food è la via maestra per essere protagonista insieme agli altri soci e per far coincidere i propri interessi con quelli della comunità; è un modo per aiutare le generazioni future a trovare lavoro e a produrre benessere; può rappresentare un modo intelligente per investire i propri risparmi.