09/11/2017 CIR food fra i soggetti coinvolti nella tappa di Ferrara del progetto europeo ECOWASTE4FOOD

Fino al 10 novembre il Comune di Ferrara ospita la seconda visita studio del progetto europeo ECOWASTE4FOOD dedicato ad eco-innovazione e lotta allo spreco alimentare. Anche CIR food fra i partner coinvolti nell’iniziativa che porterà nella città estense una delegazione composta da stakeholder provenienti da Finlandia, Francia, Grecia, Inghilterra e Polonia per studiare diverse realtà locali impegnate su questi temi. Nella giornata di venerdì 10 novembre la delegazione europea visiterà la nostra sede territoriale, dove verranno loro illustrate le buone pratiche messe in campo quotidianamente per ridurre lo spreco e ridistribuire eventuali eccedenze della produzione dei pasti destinati alle scuole del territorio. 

Nel corso della visita studio i partner avranno inoltre l’opportunità di conoscere  “Cibo Amico” promosso da Hera S.p.a., “Brutti ma Buoni” di Coop Alleanza 3.0, “RistoriAMO” promosso dall’Associazione Officina Dinamica con il sostegno del Comune di Ferrara, “Last Minute Market” e “ActivEcolab”.

ECOWASTE4FOOD "Supporting eco-innovation to reduce food waste and promote efficient economy in the consumption of resources" è un progetto di quattro anni finanziato dal programma di cooperazione territoriale Interreg Europe. Coordinato dal CIHEAM-IAMM, International Centre for Advanced Mediterranean Agronomic Studies, di Montpellier e coinvolge, oltre all’Amministrazione comunale di Ferrara, altre sei autorità locali di altrettanti paesi europei: Agenzia Rifiuti della Catalogna (ES), Regione Provenza Alpi Costa Azzurra (FR), Devon (UK), Regione Wielkopolska (PL), Regione della Macedonia Occidentale (GR) e Regione Ostrobotnia meridionale (FI). 

Samuel Féret Project Manager del CIHEAMM-IAMM spiega come «la visita alle migliori pratiche ferraresi permetterà ai partner del progetto di conoscere dal vivo e in un’ottica di replicabilità le azioni messe in campo per la riduzione dello spreco alimentare, per una società efficiente dal punto di vista delle risorse e inclusiva.»

«Siamo grati di poter partecipare ad un progetto – sottolinea Maria Elena Manzini, responsabile Csr CIR food - che mira a far conoscere quanto di buono si sta mettendo in campo nella lotta allo spreco alimentare e nella conoscenza del rapporto tra cibo e risorse. Diverse, in questo senso, sono le iniziative concrete che possiamo condividere su questi due importanti tema.»